NSD diventa fornitore nazionale Asso Ricambi - Idir

NSD diventa fornitore nazionale Asso Ricambi

idir-assobNSD è fiera di annunciare l’accordo di partnership commerciale con il Consorzio Asso Ricambi.
Da Aprile infatti NSD diventa fornitore nazionale del Consorzio, con l’obiettivo di assumere un ruolo primario all’interno del network.

Notevoli i vantaggi tanto ai clienti storici, quanto ai clienti nuovi che entreranno in contatto con il gruppo costituito da OVAM Group e IDIR.

Chiara Levati, presidente di NSD afferma: “Con questo ulteriore accordo rafforziamo la nostra posizione all’interno dell’Aftermarket italiano proponendoci sempre più come riferimento distributivo, logistico e commerciale per le migliori realtà emergenti tra i ricambisti italiani, ai quali siamo certi di offrire non solo condizioni commerciali e servizi evoluti ma elementi di fidelizzazione e iniziative marketing volte a garantire scalabilità di business e opportunità di crescita imprenditoriale”.

NSD nasce nel 2014 ma vanta 50 anni di esperienza, oltre 70 brand dei principali costruttori di componenti, una distribuzione capillare e complementare in grado di assicurare la copertura di tutte le aree del Nord, Centro e Sud Italia.

Anche Giampiero Pizza, direttore generale di Asso Ricambi, ha commentato l’accordo: “Siamo felici che NSD sia entrato a far parte del nostro network, è una realtà dall’approccio innovativo al business ed è per questo motivo che siamo convinti che la collaborazione e la sinergia di progetto riuscirà a dare valore e vantaggi ai nostri soci e a tutta la filiera”.

Asso Ricambi è un Consorzio di ricambisti fondato nel 1993 con l’obiettivo di sviluppare progetti commerciali nell’Aftermarket. Ad oggi conta circa 90 aziende associate dislocate su tutto il territorio nazionale che collaborano con la volontà condivisa di ottenere le migliori condizioni commerciali e servizi vantaggiosi per migliorare la propria competitività.

Hanno parlato di noi:

  • Notiziario Motoristico (clicca qui per leggere l’articolo)
  • Parts Web (clicca qui per leggere l’articolo)
  • Il giornale dell’aftermarket (clicca qui per leggere l’articolo)