SCANDALO VOLKSWAGEN : COSA SUCCEDE IN ITALIA ?

La Volkswagen, ha bloccato in Italia, con una lettera riservata ai concessionari, la vendita dei modelli Euro 5, col motore diesel EA 189 sotto accusa. Una “misura precauzionale”, in attesa di “fare chiarezza” su un particolare software utilizzato sui motori diesel, che riguarda circa 2.500-3.000 veicoli dei marchi Volkswagen, Audi, Seat, Skoda, “in attesa di ricevere ulteriori chiarimenti e dettagli” dalla Casa madre.
Per chi possiede un’auto con i marchi Volkswagen, Audi, Seat, Skoda e Volkswagen Veicoli commerciali immatricolata prima dell’1 settembre 2015 riceverà una lettera di richiamo dalla casa madre che porterà alla ‘ripulitura’ della centralina dell’auto. In Italia i modelli sotto accusa sono circa un milione secondo il ministro dei Trasporti Graziano Delrio, che ha annunciato in queste ore l’avvio di controlli sugli autoveicoli del gruppo Volkswagen.
Secondo Gianprimo Quagliano, noto analista del settore e presidente del Centro Studi Promotor, riguardo lo scandalo Volkswagen “in Italia né il mercato né il cliente hanno assolutamente nulla da temere, in quanto gli automobilisti non scelgono l’auto in base alla sua ecocompatibilità ma secondo i consueti ragionamenti che si basano sul design, la convenienza economica, le prestazioni e l’immagine”.